Saturday, 28 August 2004

Un giorno alla frontiera Greco-Turca, tra Alexandropolis ed Ipsala

(originally published the 28th August 2004)

Uno dei primi giorni di Agosto, più per caso e per curiosità personale che per necessità, sono stato testimone ed in un certo qual modo protagonista di una peculiare procedura burocratica, di cui racconterò ampiamente nei paragrafi a venire; prima di continuare, però, invito caldamente a desistere tutti coloro ai quali venisse in testa di voler emulare quanto verrà raccontato: chi entra in Turchia con un'automobile (o una moto) deve portarsi appresso il passaporto per segnare l'importazione temporanea del mezzo, ed il mezzo deve essere di sua proprietà, o deve possedere una delega a condurre lo stesso firmata dal proprietario ed autenticata ufficialmente (da un notaio o da un pubblico ufficiale, io mi rivolgo solitamente alla delegazione municipale più vicina).
Mi ero recato alla frontiera per accompagnare in Grecia mio fratello, mia sorella ed un amico con i quali tra fine Luglio ed inizio Agosto ho fatto un viaggio da Reggio di Calabria (in realtà io sono partito qualche ora prima da Erice) ad Antiochia, con fermate più o meno lunghe ad Istanbul, Göreme (in Cappadocia) ed Arsuz (l'Issos di Macedonica memoria). L'auto (una Kia Sportage 2000cc cabrio benzina, unica nota negativa i 9 km ad Euro di media lungo i 5500km per i quali ho fatto parte dell'equipaggio) era stata registrata nel mio passaporto, ragion per cui dovevo farmi timbrare l'uscita dalla Turchia, ma non volevo arrivare alla frontiera Greca, per ragioni che saranno chiare successivamente. Ingenuamente ho fatto partecipe di questo mio desiderio l'incaricato alla frontiera Turca, che mi ha esplicitamente intimato di arrivare alla frontiera Greca perché nessuno degli altri tre passeggeri aveva una delega a condurre. Se non gli avessi detto nulla, avrei potuto tranquillamente scendere dalla macchina in terra di nessuno, salutare tutti e tornarmene indietro, anche perché ai Greci (e questo anche per via di esperienze precedenti), sembra che di deleghe a condurre di un mezzo con targa UE non gliene importi proprio nulla. Una volta costretto, ho guidato fino alla frontiera Greca, ho lasciato l'auto ai miei compagni di viaggio, e me ne sono tornato a piedi (attraversando la frontiera a piedi, i Greci non mi hanno nemmeno fermato per controllare i documenti, come prima con l'auto, quando ci avevano soltanto chiesto se avevamo a bordo sigarette o alcool).
Sapevo però di avere un appuntamento con il destino, che nel mio caso si chiamava Yoryos (Giorgio). Questo bel ragazzo di Thessaloniki di nemmeno vent'anni, alto, magro, biondo e con gli occhi azzurri, che avrebbe tranquillamente potuto ottenere la parte di protagonista di qualche film su di Alessandro il Grande, era di guardia sul penultimo posto di guardia Greco prima del ponte sull'Evros. Sapevo che i suoi ordini erano quelli di impedirmi il passaggio del ponte, che per chissà quale astruso motivo non può essere attraversato a piedi, ma fingendo innocenza ed ignoranza mi sono avventurato fino alla sua cabina, sperando chiudesse un occhio o che mi lasciasse inavvertitamente passare. Il povero Yoryos, provato dalla completa solitudine del suo compito, non vedeva invece l'ora di beccare un povero Cristo con cui imbastire un po' di conversazione per rompere la monotonia dei turni di guardia. Siamo stati tre quarti d'ora a conversare del più e del meno, perlopiù nel suo stentato ma non sottovalutabile Inglese, e devo dire che alla fine mi stava pure simpatico, ed avrei trovato la cosa pure piacevole se non fossimo stati sotto un torrido sole ad un centinaio di metri da un'irraggiungibile meta. Yoryos è un soldato di leva, sottoposto ad una corvée non proprio attraente: turni di guardia solitaria di 3 ore, intervallati da turni di 6 ore di esercitazione o lavoro in caserma, con 6 ore di sonno ogni 18 ore di servizio. Fortunatamente dopo una mezz'ora passata a parlare del più o del meno si è offerto di aiutarmi a trovare un passaggio, e si è messo a fermare i rari automezzi che passavano. Ce ne fosse stato uno con un posto disponibile! Alla fine ha beccato l'asso di briscola in un gentile camionista Turco alla guida di un enorme TIR della Omsan (uno dei giganti della logistica Turca), grazie al quale sono riuscito finalmente ad attraversare il maledettissimo ponte.
Conversando con Yoryos sul ciglio della strada, mi sono accorto che una delle auto che avevano attraversato il ponte dirette alla frontiera Turca, occupata da tre ragazzi sulla ventina o poco meno, mostrava una bella targa Italiana, così quando, ormai all'interno della nuovissima stazione di frontiera Turca (la vecchia è stata in pratica spianata), li ho visti in fila mi sono avvicinato per vedere se riuscivo a trovarmi un passaggio per Istanbul. La mia speranza è sfumata quando ho visto che l'auto era stracarica, per cui una volta che c'ero ne ho approfittato per scambiare due chiacchere in Italiano; stavo per andarmene per la mia strada, quando ho visto sul cruscotto tre carte d'identità, e mi è suonata una campanella in testa. Ora avrei potuto andarmene tranquillamente per la mia strada, e magari mettermi a cercare un altro passaggio, ma ho voluto compiere la mia buona azione quotidiana, ed ho chiesto al ragazzo alla guida se aveva portato con se il passaporto. Due dei tre mi hanno risposto all'unisono che la guida Lonely Planet affermava che per entrare in Turchia non ci fosse necessità del passaporto, ma che bastasse la sola carta d'identità, al che gli ho dovuto raccontare la triste verità, e che cioé senza passaporto non potevano importare temporaneamente l'auto; gli ho consigliato inoltre di parcheggiare l'auto, dacché prima di entrare avrebbero dovuto andare ad acquistare i necessari visti. Dopo essere andato a farmi timbrare il passaporto per rientrare in Turchia, ed essermi sorbito l'occhiataccia del poliziotto per il fatto che stavo rientrando il giorno stesso la mia uscita dal paese, mi sono accorto che i tre ragazzi erano piuttosto spaesati, ragion per cui mi sono offerto di guidarli nei meandri della burocrazia Turca. Siamo entrati nell'ufficio doganale, dove ho attratto l'attenzione di un impiegato, al quale ho spiegato nel mio Turco stentato la situazione; il tipo ci ha riflettuto sopra, e si è offerto di fare entrare l'auto con la sola carta d'identità del proprietario. Ci credereste ora se vi dicessi che nessuno dei tre era proprietario dell'auto, e che non si erano portati dietro uno straccio di delega a condurre? A questo punto mi sono messo d'impegno ed ho spiegato la cosa al tipo (o almeno credo di esserci riuscito), il quale mi ha offerto un'altra scappatoia: se gli facevamo avere un fax con la delega a condurre e la carta d'identità del proprietario, ci avrebbe messo una buona parola lui con il direttore per far entrare l'auto in spregio a tutta la normativa vigente. Ci credereste ora se vi dicessi che nessuno dei tre conosceva il proprietario dell'auto? L'auto era intestata ad una signora che a quanto pare era l'ex datrice di lavoro del padre di uno dei ragazzi, padre a cui l'auto era stata venduta da pochissimo tempo, tanto che la cosa non risultava ovviamente nel libretto. Miracolosamente tra i vari documenti i ragazzi hanno trovato una registrazione al PRA al nome del summenzionato padre, il quale dopo circa due ore (nel frattempo abbiamo pranzato in un ristorantino nel duty-free annesso alla stazione di frontiera) è riuscito ad inviare un fax con una delega a condurre in Inglese (ci credereste che una sua collega l'aveva sottomano perché una sua figlia aveva fatto la stessa inteligentissima cosa tempo addietro?) e la sua carta d'identità, dopodiché sono riuscito a far passare il documento del PRA come parte integrante del libretto di circolazione, ed alla fine il funzionario si è convinto ad alzare un telefono rosso fuoco ed a farci rilasciare tutte le necessarie autorizzazioni. Quasi tutte .. ai ragazzi mancava ancora il visto.
Credevo di averle viste tutte, ma questa ancora mi mancava: quando si entra in Turchia con la carta d'identità, i Turchia appendono il visto sopra un foglietto di carta bianco, sul quale vengono stampati i timbri di entrata ed uscita. A quanto pare al funzionario delegato alla vendita dei visti erano finiti i fogli bianchi, ed ha appeso i visti sulle carte d'identità. Basito, ho accompagnato i tre ragazzi dal poliziotto dell'occhiataccia, avvertendoli della stranezza, ed infatti il tipo di fronte a quelle tre carte d'identità con visto prima ha sacramentato in Turco, poi intravedendomi alle loro spalle mi ha rinnovato l'occhiataccia, è uscito fuori dal suo chiosco ed ha preteso il mio passaporto. Ho messo su una faccia angelica mentre lui controllava se per caso non fossi ricercato per un qualsivoglia reato, non trovando nulla su cui appigliarsi mi ha restituito il passaporto, ma non ha ovviamente bollato le carte d'identità dei tre ragazzi, ordinando a me di portarli dal suo superiore nel chiosco accanto, che però era vuoto. A questo punto siamo tornati nuovamente dal funzionario ai visti, con il quale ci siamo semplicemente presi a maleparole (colpa anche mia, non ricordo mai il termine Turco per "foglio di carta bianco", e lui non aveva idea di cosa fosse un paper), ed alla fine ci siamo imbattuti nel superiore del poliziotto dell'occhiataccia. Il tipo, probabilmente settuagenario, ha sacramentato a sua volta per l'assurdità dei tre visti appiccicati sulle carte d'identità, ma fortunatamente ha tirato fuori tre foglietti bianchi su cui ha trasferito i tre visti, che ha poi provveduto a bollare. A questo punto abbiamo acquistato il visto per l'auto, e fortunatamente il responsabile stava ancora aspettando l'italiano con la carta d'identità, e finalmente siamo riusciti ad uscire da quella trappola. I tre avevano oramai fatto un punto d'onore del dovermi accompagnare ad Istanbul, per cui ci siamo divisi il carico in una maniera differente (ho viaggiato abbracciato ad materassino argentato), ma alla fine ad Istanbul a casa della mia amorevolissima e preoccupatissima ragazza gli ho potuto offrire un bel (?!) caffé espresso fatto con una macchina a pistone che avevamo prestato due anni addietro a degli amici Turchi e che ci era stata restituita giusto qualche giorno prima, ma questa è un'altra storia ..

P.S.: mi ripeto, non provate ad importare temporaneamente in Turchia un mezzo senza passaporto e delega a condurre, la storia appena raccontata rimane nell'ambito delle esperienze eccezionali, qualunque poliziotto Turco rompicoglioni ed a conoscenza delle convenzioni internazionali avrebbe potuto trovare mille pretesti per sequestrare o confiscare anche soltanto temporaneamente l'auto una volta in Turchia. Fortunatamente la conoscenza dei trattati internazionali non è proprio il forte dei poliziotti Turchi, i quali un centinaio di chilometri prima di Istanbul ci hanno fermato e ci hanno fatto una multa di 41 milioni di lire Turche. Perché, vi chiederete voi? Presto detto, il ragazzo alla guida aveva acceso le luci, la cosa aveva attratto inevitabilmente l'attenzione di una coppia di poliziotti (perché mai tiene le luci accese di giorno si saranno chiesti), ed uno dei due si è accorto che una delle luci anabbaglianti era rotta ..

7 comments:

Roberto said...

ciao, sono Roberto, l'onnipotente Google mi ha portato fino al tuo blog. Sto infatti tentando di organizzarmi per arrivare in turchia con la vespa di mio fratello e la mia ragazza, per cui cerco informazioni sulle norme burocratiche. L'articolo è simpatico ma quello che descrive veramente allucinante! Mi lascia un paio di dubbi: su turchia.it scrivono che, entrando senza mezzi propri, basta la carta d'identità, per cui a me conducente serve il passaporto e nel mio caso al passeggero basterebbe la C.I. Me lo confermi? Per quanto riguarda la delega a condurre, il personale ACI mi ha scritto via mail che l'autentica del documento va fatta da un notaio e non vale autentica di firma da pubblico ufficiale (es. messo comunale), ma se non sbaglio tu la facevi esattamente in comune. Puoi illuminarmi su questi punti? Grazie e buon blog!

aledeniz said...

Vale Roberto,
ti confermo che per quanto ne so e per esperienza personale per entrare in Turchia senza mezzi al seguito basta la carta d'identita' italiana valida per l'espatrio ed in corso di validita'. Questo e' vero anche quando si entra in Turchia dagli aereoporti, anche se devo dire che purtroppo capita che a volte qualche poliziotto di frontiera italiano pretenda una prenotazione alberghiera (che nel mio caso, o nel caso di persone che invito come ospiti a casa di mia moglie ad Istanbul, non c'e'). Ai Turchi ed ai Greci invece e' sempre bastata la carta d'identita'.
Per quanto riguarda invece l'importazione temporanea di un veicolo per uso personale, quale una vespa, hai bisogno del passaporto e della delega a condurre.
Personalmente la delega a condurre l'ho sempre fatta in comune (sotto forma di Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ai sensi dell'articolo 21 D.P.R. 445 del 28/12/2000), ed e' sempre andata bene (sia per Malta che per la Turchia che per la Grecia). Addirittura una volta a Malta un mio amico ha avuto un incidente con l'auto di mio fratello per cui entrambi avevevamo delega a condurre, ma che era iscritta soltanto nel mio passaporto, e ne' la polizia ne' successivamente l'assicurazione hanno avuto niente a ridire al riguardo.
La delega a condurre e' sempre stata bilingue italiano/inglese, te ne allego copia dopo la mia firma.
Ti devo ovviamente fare presente di non prendere le mie parole come oro colato: non sono un avvocato, e non seguo constantemente tutti i possibili cambi di leggi e regolamenti, per cui qualcosa potrebbe essere cambiata, ma quanto scritto in merito rispetta fedelmente quanto da me personalmente sperimentato nel corso degli anni.
Buon viaggio,
Alessandro Riolo

Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà
(Articolo 21 D.P.R. 445 del 28/12/2000)

Il Sottoscritto [Proprietario], nato in [Luogo di nascita del proprietario],
[Stato di nascita del proprietario], il [Data di nascita del proprietario],
di cittadinanza [Cittadinanza del proprietario], e residente [Residenza del
proprietario], consapevole delle responsabilità penali cui può andare
incontro in caso di dichiarazioni mendaci ai sensi dell’articolo 76 del
D.P.R. 445 del 28/12/2000, dichiara:
Autorizzo [Chi deve guidare] a guidare e delego loro a condurre in Italia ed
all’estero (particolarmente in Grecia ed in Turchia) l’autoveicolo di mia
proprietà [Tipo della vettura] targato [Targa della vettura], purché muniti
di validi e regolari documenti di guida; questo è l’elenco [di chi deve
guidare]:
- [Cognome e nome, luogo e data di nascita, luogo di residenza]
- ..
L’eventuale affidamento dell’autoveicolo in questione a terzi è loro
permesso e posto sotto la loro diretta responsabilità.


Segue traduzione in Inglese - Follow English translation:


I, [Proprietario], born in [Luogo di nascita del proprietario], [Stato di
nascita del proprietario], the [Data di nascita del proprietario],
[Cittadinanza del proprietario] citizen and resident in [Residenza del
proprietario], conscious of the penal responsibilities to whom I could be
exposed if stating the untrue, as affirmed from the article 76 of the D.P.R.
445 of the 28/12/2000, I declare:
I authorize and I appoint [Chi deve guidare] to drive in Italy and in
foreign countries (especially in Greece and in Turkey) my own automobile
[Tipo della vettura] with the license plate [Targa della vettura], until
they will be provided with suitable and legitimate driving documents; this
is the list of [di chi deve guidare]:
- [Cognome e nome, luogo e data di nascita, luogo di residenza]
- ..


The eventual granting of this automobile to others is permitted to them and
it is under their own responsibility.


[Comune], li [Data di redazione] Il Dichiarante,
[Proprietario]


___________________________


Comune di [Comune] – Provincia di [Provincia]
Settore Servizi Demografici
Ai sensi dell’art. 21, D.P.R. 445 del 28/12/2000, Io sottoscritto Pubblico
Ufficiale Incaricato attesto che la sottoscrizione della sopra estesa
dichiarazione è stata apposta in mia presenza dal dichiarante, identificato
previa esibizione della Carta d’Identità n° [Numero della CdI] rilasciata
dal Comune di [Comune di rilascio della CdI] in data [Data rilascio CdI] e
del Codice Fiscale [Codice Fiscale Proprietario].
[Comune], li [Data dell'autentica] Il Pubblico
Ufficiale Incaricato


___________________________
Trattamento dei dati personali
(Legge 675/2000)
I dati sopra citati sono autorizzati esclusivamente per il perseguimento
delle finalità per le quali vengono acquisiti

Anonymous said...

ciao, sono sempre Roberto! allora per sicurezza ho scritto all'amasciata di Turchia in Italia la quale ha confermato che la delga ha condurre e` valida se autenticata da Ufficiale Pubblico italiano (es. messo comunale)!!! a questo putno strozzarei quelli dell'ACI che volevano mandarmi da un notaio a tutti i costi...l'Italia!!
spero alla fien dia rrivare in Turchia senza intoppi..vi faro` sapere :P grazie intanto delle informazioni!

Anonymous said...

scusate l'italiano ero di corsa...

Anonymous said...

Devo contraddirti ma l'Aci ha ragione. Il Funzionario comunale non ha nelle sue prerogative quella di autenticare atti (delega) fra privati. Fra 8.000 comuni italiani forse c'è sempre quello che non si aggiorna o non studia le leggi. Attenzione perchè si rischia di avere in mano una cosa che è carta straccia. In Comune possono autenticare solo istanze dirette alla P.A. oppure dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà concernenti stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell'interessato art. 46 dpr 445/2000. Recentemente possono autenticare anche le firme sulle vendite di auto ma grazie ad una legge diversa dalla 445. Ciao

Roberto said...

qui però si trattava di autentica di firma, come mi ha confermato l'Ambasciata di Tuechia in Italia, perciò la questione si poteva risolvere con una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà. Sono andato e tornato con quel documento senza problemi, ma vorrei arrivare a fondo della questione per capire bene la cosa...

Hilbert said...
This comment has been removed by a blog administrator.